SpamLife è un fermento di pensiero e ricerca in perenne allestimento.E' una nuvola che si allarga e restringe. Forma immagini, figure, astrazioni e sogni.Appare e scompare. E lascia cadere l'acqua origine della vita.

SpamLife è un fermento di pensiero e ricerca in perenne allestimento.E' una nuvola che si allarga e restringe. Forma immagini, figure, astrazioni e sogni.Appare e scompare. E lascia cadere l'acqua origine della vita.

SpamLife è un fermento di pensiero e ricerca in perenne allestimento.E' una nuvola che si allarga e restringe. Forma immagini, figure, astrazioni e sogni.Appare e scompare. E lascia cadere l'acqua origine della vita.

SpamLife è un fermento di pensiero e ricerca in perenne allestimento.E' una nuvola che si allarga e restringe. Forma immagini, figure, astrazioni e sogni.Appare e scompare. E lascia cadere l'acqua origine della vita.




     back

prossimo evento

              

 

SENZA PIETRE

Matera 2019 Capitale della Cultura

Omaggio a Carlo Levi

«Arrivai a Matera verso le undici del mattino. Avevo letto nella guida che è una città pittoresca, che merita di essere visitata, che c'è un museo di arte antica e delle curiose abitazioni trogloditiche [cioè scavate nella roccia]. Allontanatami un poco dalla stazione, arrivai a una strada, che da un solo lato era fiancheggiata da vecchie case, e dall'altro costeggiava un precipizio. In quel precipizio è Matera. La forma di quel burrone era strana; come quella di due mezzi imbuti affiancati, separati da un piccolo sperone e riuniti in basso in un apice comune, dove si vedeva, di lassù, una chiesa bianca, Santa Maria de Idris, che pareva ficcata nella terra. Questi coni rovesciati, questi imbuti, si chiamano Sassi. Hanno la forma con cui, a scuola, immaginavamo l'inferno di Dante, in quello stretto spazio tra le facciate e il declivio passano le strade, e sono insieme pavimenti per chi esce dalle abitazioni di sopra e tetti per quelle di sotto. Alzando gli occhi vidi finalmente apparire, come un muro obliquo, tutta Matera. È davvero una città bellissima, pittoresca e impressionante.» Carlo Levi in Cristo si è fermato a Eboli

Nelle celebrazioni di Matera Capitale della Cultura 2019 è obbligo ricordare un artista che tanto ha fatto perché nessuno si dimenticasse delle città del meridione. Carlo Levi ha dedicato una buona parte della sua produzione artistica a raccontare con quadri e testi il periodo del suo confino in Basilicata.

Levi dipingeva e scriveva dell’assenza, della mancanza di cui soffriva il meridione e nel suo “Cristo si è fermato a Eboli” ha denunciato la condizione di abbandono e di esclusione. Le sue parole diventano pietre come i sassi di Matera, pietre e parole da abitare per chi non ha altro.

La SpamArte non può mancare di rivolgere la sua attenzione a questa esclusione dei mezzi vita, che il tempo ha trasformato in cultura e in Patrimonio dell’Umanità dal 1993.

Quindi il progetto Senza pietre attraverso una mostra e la pubblicazione di un libro di poesia vuole essere presente sia a Roma nella Fondazione Carlo Levi, sia a Matera sia a Torino. La raccolta sarà un volume pubblicato da Edizioni Progetto Cultura dove la parola si fa testimonianza concreta per raccontare emarginazione ed esclusione sociale fra ieri e oggi. La mostra di artisti contemporanei si ispirerà agli scritti e alle opere dell’artista.

L’incontro tra le arti diventa strumento ed opportunità per far parlare “i Sassi” di Matera ed è un richiamo che affonda le sue radici nella storia e si espande ad eco universale sul mondo, con un riferimento preciso alla figura di Levi. Fra gli eventi la presentazione del libro sulla storia del confino in Italia di Anna Foa Andare per i luoghi di confino Ed. Il Mulino 2018 e il saggio sulla giovane poetessa del XVI sec. uccisa dai fratelli “Dossier Isabella Morra” di Giuseppe Lorin, edito da Bibliotheka Edizioni, con prefazione di Dante Maffia e contributi originali di Dacia Maraini, Corrado Calabrò, Dante Maffia, Marcella Continanza, Antonella Radogna, Vittorio Pavoncello e Michela Zanarella.

 

Scrittori:

Serena Maffia, Davide Cortese, Luciana Raggi, Flaminia Cruciani, Fabio Strinati, Enomis, Vittorio Pavoncello, Maria Grazia Calandrone...

Artisti:

Bruno Aller, Simona Gasperini, Marco Giani, Vittorio Pavoncello, Paola Casalino…